Scambi Internazionali


1461100_10202398113103894_1129805808_n

Il Research Exchange è un progetto che offre il SISM in quanto socio della IFMSA (International Federation of Medical Students’ Associations). Similmente al Professional Exchange, esso si propone di offrire a tutti gli studenti in Medicina la possibilità di recarsi presso una Facoltà di Medicina straniera, per un progetto di scambio della durata di un mese. In questo caso lo scambio è basato su un lavoro di Ricerca Medica.

Official 2014 trailer

Lo studente che parte all’estero frequenterà il Laboratorio da lui scelto e condurrà il relativo progetto di ricerca sotto la attenta supervisione di un “tutor” qualificato. Il tutor ha la funzione di guidare lo studente attraverso l’introduzione ai principi di base della ricerca scientifica. In questo senso il Research Exchange viene condotto su un piano teorico-pratico e richiede un ruolo attivo da parte dello studente al quale, d’altronde, viene richiesta solamente una buona conoscenza dell’inglese,  tanta volontà e impegno per ricevere il massimo da un’esperienza formativa di tale livello.

La Research Exchange si propone di fornire una prima conoscenza sui differenti metodi di approccio alla ricerca, all’educazione medica e alla salute pubblica e di confrontare le metodologie di studio straniere e paragonarle a quelle catanesi e italiane. Permette inoltre di esercitarsi nelle lingue straniere, di socializzare con studenti di altri paesi e di visitare e conoscere una nazione estera. Alla fine del corso (momento in cui viene rilasciato un attestato), della durata minima di quattro settimane (alcuni progetti permettono a scelta dello studente di permanere a proprie spese oltre il periodo offerto dall’organizzazione), lo studente avrà acquisito le capacità di identificare, formulare e risolvere problemi inerenti lo studio di ricerca condotto. In altre parole tale progetto si propone di educare la mente dello studente all’approccio scientifico e di ricerca dei diversi problemi dell’orizzonte medico.

Ogni Paese conta su un NORE (National Officer on Research Exchange) che coordina il lavoro di diversi LORE (Local Exchange Officer on Research Exchange).

Il LORE di Catania, così come i LORE delle altre città, ogni anno cerca nuovi progetti (fra quelli attivi nella nostra Università) da offrire a studenti stranieri e conferma quelli che sono già stati avviati in modo da non perdere la possibilità di mandare un certo numero di studenti della nostra Facoltà in uno dei più 70 Paesi di tutto il mondo con cui il SISM è associato e, nell’ambito di ogni Paese, di offrire la scelta del progetto di ricerca che più si confà agli interessi di studio propri dello studente.

Ogni anno i candidati alla Research Exchange dovranno sostenere un esame di Inglese e rientreranno in una graduatoria diversa da quella del Professional Exchange. Gli studenti con punteggio più alto (che comprende, oltre alla conoscenza dell’Inglese, una serie di parametri come esami sostenuti, media, etc.) hanno il diritto di scegliere uno fra i Paesi assegnati alla sede locale di Catania.

I Research Exchange sono scambi bilaterali fra le diverse associazioni studentesche che aderiscono all’IFMSA. Ciò significa che ai partecipanti verrà garantito il vitto e l’alloggio, per tutto il periodo di soggiorno all’estero, ed insieme ai contenuti scientifici, le singole associazioni si faranno carico di organizzare un Social Program che mostri gli aspetti sociali, culturali ed anche ludici della città ospite.

Ogni anno circa 100 studenti italiani usufruiscono di questo progetto e altrettanti studenti stranieri sono ospitati presso le nostre strutture universitarie. In tal senso la Research Exchange si propone anche di allargare gli orizzonti di comunicazione e scambio culturale tra Paesi e civiltà diverse e di favorirne l’incontro.

Sicuramente è doveroso dire che il valore formativo di questa esperienza è unico. Sapere di lavorare attivamente ad un progetto, di essere parte di un Team di Ricerca e infine sapere che il vostro nome, potrebbe essere pubblicato insieme a quello dei medici e dei ricercatori con cui avete lavorato è più di quanto di solito uno studente possa sognare.

 

Il Professional Exchange è un mese di esperienza formativa, professionale e sociale, della durata di un mese da trascorrere in un paese straniero, ospitato in strutture universitarie, o in case famiglia.
Il tirocinio in reparto permette allo studente di approfondire le proprie conoscenze, il proprio bagaglio di esperienze, di comprendere il sistema sanitario del paese ospitante e oltretutto di migliorare la padronanza della lingua Inglese, che è la lingua ufficiale dell’IFMSA, cosi come del Francese, dello Spagnolo e del Tedesco.

La tipologia di scambio e le modalità di organizzazione sono dettate tutte da un documento, chiamato Exchange Conditions, che varia di paese in paese. Esso descrive tutto quello che c’è da sapere riguardo la documentazione necessaria, gli alloggi, il vitto, i reparti disponibili e le città disponibili, nonché i mesi disponibili all’anno.

Nei reparti, lo studente non è abbandonato a se stesso ma guidato da uno o più tutor che si preoccupano di garantire l’apprendimento teorico e pratico della ragazza/o ospitata/o.

L’attestazione di validità di questi Scambi Professionali è testimoniata dal riconoscimento ufficiale che queste esperienze hanno ottenuto dalla: Conferenza Permanente dei Presidi delle Facoltà di Medicina e Chirurgia d’Italia.

>L’Italia con il SISM, attraverso il suo NEO (National Exchange Officer), è la Nazione più attiva all’interno del network internazionale di scambi dell’IFMSA. Ad oggi il SISM organizza campagne scambi con più di 60 Paesi aderenti all’IFMSA (Argentina, Austria, Azerbajian, Bahrain, Bosnia-Herzegovina, Brasile, Bulgaria, Catalogna, Cile, Croazia, Egitto,Equador, Estonia, Francia, Germania, Grecia, Giappone, Giordania, Indonesia, Islanda, Israele, Lettonia, Libano, Lituania, Messico, Montenegro, Perù, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti D’America, Sudan, Svezia, Taiwan, Thailandia, Tatarstan, Tunisia, Turchia, Ungheria). Negli ultimi tempi il numero di scambi organizzati annualmente con le altre associazioni di Studenti di Medicina dei paesi membri dell’IFMSA, ha superato abbondantemente le 550 unità.

I NEO, a livello nazionale coordinano tutti i LEO e sono i loro rappresentanti nel Consiglio Nazionale; a livello internazionale mantengono i rapporti con i NEO stranieri, in modo da facilitare la normale prassi di un Professional Exchange in tutti i suoi aspetti. Due volte l’anno i NEO partecipano alle General Assembly (GA) dell’IFMSA per pianificare la campagna scambi e rappresentare la loro nazione nello SCOPE. I LEO gestiscono la campagna scambi nella propria università presentando questi scambi agli studenti, organizzando il concorso, raccogliendo i documenti necessari e mantenendo i contatti con i NEO.

Alla campagna Scambi, infatti, si accede tramite concorso annuale (tra novembre e dicembre), la cui graduatoria dipende dalla media aritmetica dei voti, dal voto di un esame di lingua straniera, da un bonus Materie detto di “anzianità” (prende in considerazione gli esami chiave del corso universitario) e da eventuali punti di collaborazione con il SISM.

L’assegnazione dei Paesi risponde alla scelta dello studente nel rispetto della graduatoria e delle condizioni di scambio imposte dal Paese ospitante (limitazioni riguardanti l’anno di corso, voto esame di lingua, etc..).

Le emozioni che si raccolgono durante un mese all’estero sono probabilmente le più intense che uno studente, durante il suo corso di studi, possa provare.

Toccare con mano, alle volte anche in modo diretto, traumatico e inaspettato, la vita di un altro paese, la cultura di un altro popolo, una realtà ospedaliera estera che in alcuni casi può essere molto più brutale della nostra, rende UNICA questa esperienza.

Stesso discorso vale per tutti i ragazzi volenterosi che si apprestano ad ospitare nella propria città (in questo caso Catania) tanti studenti stranieri, facendogli amare la nostra città e i nostri concittadini, facendogli respirare la nostra cultura e gustare i nostri sapori!

 

Per qualsiasi informazione, contattare:

  • Jacopo Tudisco 
  • Lara Gullo

agli indirizzi leo@catania.sism.org e lore@catania.sism.org